Torna all'homepage
Famiglie Numerose Cattoliche
 
 
CARTA DEI DIRITTI
LO STATUTO
MODULO ISCRIZIONE
SEDI REGIONALI




Scrivici

23 May, 2016

Pannella, santo subito
di - La nuova Bussola quotidiana


Per una curiosa coincidenza, ieri mattina nella consueta omelia a Santa Marta, papa Francesco ha commentato - riporta Radio Vaticana - il brano del Vangelo di Marco in cui Gesù spiega l’indissolubilità del matrimonio affermando che la comprensione per i peccatori va di pari passo con l’affermazione senza compromessi della verità. Dico una curiosa coincidenza perché tale importante distinzione arriva nel giorno in cui si è registrato un totale sbracamento di alte gerarchie ecclesiastiche nel commentare la morte di Marco Pannella, dove quella che appare chiara è la confusione tra la dovuta pietà – e in alcuni casi l’amicizia – verso un defunto e il giudizio storico su quanto dallo stesso defunto realizzato in vita.

Bello sapere che il Papa abbia offerto a Pannella un’amicizia e che qualche altro prelato lo abbia visitato fino agli ultimi giorni, speriamo per dargli una possibilità di redimersi prima di presentarsi davanti al Giudice supremo. È il segno di un’umanità fatta nuova da Cristo, che punta dritto al cuore dell’uomo per offrirgli la salvezza. E certamente anche in Pannella si poteva cogliere almeno un raggio di quel desiderio di eternità di cui è fatto ogni uomo. Qualcosa che si può intravedere anche dalla lettera inviata a papa Francesco e resa pubblica ieri.

Ma ciò che è stato detto e scritto da illustri ecclesiastici come valutazione dell’attività politica e sociale di Pannella è oggettivamente uno scandalo, che ripugna alla coscienza dei cristiani. C’è stata una sorta di beatificazione sul campo per un personaggio universalmente celebrato dai media e dai politici come protagonista di un cambiamento culturale dell’Italia che si può ben definire scristianizzazione. Si può sopportare lo spettacolo di vescovi e intellettuali cattolici che osannano e presentano a modello chi ha cercato per tutta la vita di cancellare ogni presenza cristiana? Sconcertanti i commenti di alcuni vescovi che sfruttano penosamente qualsiasi occasione pur di mettersi in mostra, ma le parole che hanno creato vero e proprio sconcerto anche per il ruolo che occupa, sono quelle del portavoce vaticano, padre Federico Lombardi: «È una persona – ha detto tra l’altro a Tv2000 - che ci lascia una bella eredità dal punto di vista umano e spirituale per la franchezza dei rapporti, la libertà d’espressione e soprattutto per la dedizione totalmente disinteressata alle cause nobili. Aveva un impegno politico e sociale che non cercava il proprio interesse ma era attento ai problemi delle persone più deboli».

Una bella eredità spirituale? Dedizione a cause nobili? Attento ai problemi delle persone più deboli? Da non credere queste espressioni sulla bocca del portavoce vaticano. Contraccezione, divorzio, aborto, fecondazione artificiale, eutanasia (a proposito, qualcuno si è fatto la domanda sulla sedazione che lo ha portato alla morte?), droghe libere, sperimentazione sugli embrioni: sono queste le cause nobili che stiamo celebrando? So già la risposta: è vero, ma si è occupato anche di carcerati, di fame nel mondo, di persecuzioni religiose. Insomma, avrebbe fatto cose condivisibili e cose non condivisibili. Da notare anche l’uso di questa terminologia: non si dice mai “buono” e “cattivo”, che implicano un giudizio chiaro e definitivo sulle azioni, ma si condivide o no, “eravamo d’accordo su alcune cose e su altre no”, “abbiamo lottato su fronti opposti”, cioè siamo nel campo delle opinioni, l’una vale l’altra.

Allora bisogna dire con chiarezza che mettere sullo stesso piano divorzio e aborto da una parte e il problema delle carceri dall’altra è un insulto alla realtà. La distruzione della famiglia e il disprezzo della vita, perseguiti tenacemente per sessanta anni, dimostrano la volontà di sovvertire l’ordine della creazione e sono causa prima della grave crisi economica, sociale e morale nella quale ci troviamo. Pannella ha rappresentato in Italia la testa d’ariete di quell’ideologia relativista e nichilista che sta portando la nostra civiltà al suicidio. Si può mettere questo sullo stesso piano di una pur giusta attenzione per il problema dei carcerati?

Soltanto parlando di aborto, alle campagne di Pannella dobbiamo sei milioni di bambini uccisi in 38 anni, gli esseri umani più deboli e vulnerabili in assoluto (l’aborto è la minaccia più grave alla pace nel mondo, diceva Santa Teresa di Calcutta). Se ci fosse stata davvero giustizia avrebbe meritato un processo per crimini contro l’umanità, invece abbiamo addirittura il portavoce vaticano che ne esalta la «dedizione a cause nobili».

Certo, se ne può apprezzare la franchezza, la coerenza, la gentilezza, perfino il disinteresse nel perseguire i suoi ideali. Tutte belle caratteristiche della sua personalità se paragonate all’opportunismo e alla codardia di tanti suoi presunti avversari, ma questi non sono valori in sé, il problema sono gli ideali. Anche il diavolo è tenace, coerente e tremendamente persuasivo, solo Gesù ha saputo resistergli totalmente; ma c’è qualche vescovo che per questo è disposto a farne pubblici elogi?

C’è un altro aspetto paradossale in tante lodi da parte di uomini di Chiesa. Pannella si è battuto per la situazione delle carceri, per alcune minoranze religiose perseguitate, per la fame nel mondo. È vero questo, ma davvero i cattolici devono imparare da lui? Alla fine quelle dei radicali sono denunce, urlano l’esistenza di un problema e chiedono che lo Stato o chi per lui intervenga. Ma il metodo della Chiesa non è anzitutto la denuncia, è la presenza e la condivisione. Così la vita cambia realmente e il mondo diventa più umano, non con le campagne radicali. Da secoli i missionari vanno nelle parti più remote del mondo e con l’annuncio del Vangelo che libera l’uomo hanno dato il massimo contributo possibile alla lotta alla fame; in tanti Paesi i cristiani hanno affrontato e affrontano il martirio per testimoniare la Verità (quella Verità così pervicacemente combattuta da Pannella e soci) e la dignità dell’uomo; e nelle carceri italiane ci sono centinaia di volontari cattolici che a tanti detenuti hanno ridato la speranza, non di una cella più grande (per quanto questo sia necessario) ma di essere perdonati per il male compiuto e di rinascere a vita nuova.

Se davvero si vuole dimostrare di aver voluto bene a Pannella, oltre ad augurarsi che almeno nell’ultimo istante abbia affidato la sua anima alla misericordia di Dio, ci si può solo impegnare a pregare per lui. Possibilmente in silenzio.

22 May, 2016

Bagnasco: “Un referendum contro le Unioni civili? Iniziativa laica in mano ai laici”
di -


Gestione finanziaria? “Diocesi e parrocchie siano più trasparenti possibili pubblicando rendiconti anche su internet”. Sacerdoti? “Li sosterremo come padri, fratelli, pastori”. 8×1000? “Aumentate le firme, ma calato il gettito Irpef”. Unioni civili? “Nessun giudizio di merito, diamo voce alla gente”. E un eventuale referendum per abrogarle? “Sono iniziative in mano ai laici, saranno portate avanti dai laici”.
Risponde di getto e con sicurezza il cardinale Angelo Bagnasco alle domande dei giornalisti che lo hanno incontrato oggi, in Vaticano, al termine della 69° Assemblea generale della CEI aperta lunedì scorso. Giornata ricche di incontri e di proposte, svolte in un “clima fraterno, propositivo, costruttivo” ha detto il cardinale.
I vescovi si sono trovati d’accordo su diversi punti, come quello di una maggiore vicinanza e accompagnamento a famiglie e sacerdoti, secondo le indicazioni offerte dal Papa, e anche quello di garantire un maggiore ascolto alle persone, “lasciandosi ferire dalla realtà quotidiana”. Realtà segnata da diverse problematiche, ha osservato Bagnasco. Che ne ha elencate alcune: disoccupazione, natalità “estremamente bassa”, ludopatia che cresce in modo “preoccupante”. “Sono problemi molto seri” ha detto il presidente della CEI, “come sempre, noi vescovi e pastori cerchiamo di dare voce alla nostra gente”.
Tra queste tematiche avvertite dal popolo come “questioni molto gravi”, Bagnasco inserisce anche il discorso sulle unioni civili, senza però sbilanciarsi come nella sua prolusione di martedì scorso. “Vorrei precisare che non ho dato giudizi di valore o di merito, ho raccolto semplicemente le voci sulla strada, nelle case, in mezzo alla gente semplice con cui noi sacerdoti vescovi e preti siamo a contatto ogni giorno”, ha detto.
Sulla eventualità di un referendum abrogativo della legge appena approvata al Parlamento, il cardinale rimanda pertanto la responsabilità ai laici: è un’iniziativa in mano a loro, ha affermato, e “doverosamente dev’essere portata avanti dai laici”. Mentre sulla possibilità per i sindaci di non applicare la normativa facendo ricorso all’obiezione di coscienza, ha spiegato: “Non ne abbiamo parlato sapendo anche che una parola l’ha detta il Papa in un altro contesto”.
Ovvero nell’intervista al quotidiano francese La Croix, in cui il Pontefice sottolineava che “il diritto all’obiezione di coscienza deve essere riconosciuto all’interno di ogni struttura giuridica, perché è un diritto umano. Anche per un funzionario pubblico, che è una persona umana. Lo Stato deve anche prendere in considerazione le critiche”.
Tra i temi approfonditi dai vescovi, il cardinale presidente ha indicato poi quello della amministrazione finanziaria sempre nella direzione di una maggiore trasparenza. In particolare, appellandosi ad una delibera sui flussi finanziari del 1998, ha spiegato che è stata approvata dalla CEI una determinazione che renda sempre più trasparenti i rendiconti delle parrocchie e questo anche attraverso la loro pubblicizzazione non solo sui bollettini parrocchiali ma anche sulla rete per raggiungere “una platea più ampia”. “Non è un cambiamento ma una integrazione”, ha puntualizzato il cardinale.
Sempre in tema di amministrazione ha poi riferito che un principio emerso e ribadito da tutti i presuli è che “un buon padre di famiglia si interessa delle relazioni in casa e che il tetto non faccia acqua”. Questo non significa “che ogni parroco, sacerdote o vescovo dovrà dare il bianco sulle pareti. Anche se io ho visto certi parroci nelle campagne della mia diocesi impastare il cemento con le solette…”. Significa però che dovrà assumersi la “responsabilità del padre di casa”, perché “qualsiasi lavoro amministrativo o ha un’anima pastorale o diventa un peso terribile”.
Tale prospettiva è “importante”, ha sottolineato l’arcivescovo di Genova, “perché i beni della Chiesa sono finalizzati alla missione della Chiesa, all’azione pastorale verso poveri, giovani, educazione, famiglie. Non ci devono essere altre finalità”. Su questa scia, la Conferenza Episcopale ha insistito a formare più Consigli di amministrazione, ovvero dei Consigli degli affari economici sia a livello diocesano che parrocchiale che “devono aver una formazione costante perché la loro specificità non rimanga una informazione tecnica ma ecclesiale”. A livello diocesano, si è proposto inoltre di mettere a disposizione dei parroci delle squadre di “tecnici” individuati nel territorio.
Riguardo alla riduzione del numero delle diocesi, il cardinale ha spiegato che la questione è all’esame delle Conferenze Episcopali delle singole regioni e che ognuna ha il compito di fare delle proposte mandandole alla Congregazione dei vescovi. “Ci siamo dati un tempo, la fine di agosto, perché le singole Conferenze mandino alla CEI le proposte”. In corso anche lo studio sulle riforme di nullità matrimoniali alla luce del Motu Proprio di Papa Francesco. “Ci mancano degli elementi che avremo nei prossimi mesi: anzitutto il numero dei nuovi tribunali, non quelli regionali o inter diocesani ma quelli diocesani perché ogni vescovo può fare il proprio tribunale ecclesiastico. Il secondo, invece, è quello del costo effettivo delle singole cause. Un conto è la causa brevior che ha bisogno di minore struttura, un conto è una causa di ordinaria amministrazione. Mettendo insieme questo elementi entro la fine dell’anno, definiremo meglio come la CEI può aiutare le singole regione ecclesiastiche per far fronte alla riforma”.
Un dato importante è, poi, quello dell’8×1000, di cui quest’anno si celebra il 25° anniversario. Come comunicato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, la somma relativa all’8×1000 dell’Irpef assegnata alla Chiesa per il 2016 risulta pari a poco più di un miliardo di euro (1.018.842.766,06). La percentuale delle scelte a favore della Chiesa Cattolica è stata pari all’80,91%, ha detto il porporato. Ciò dimostra che ancora c’è fiducia nella Chiesa da parte della gente: “Le firme sono leggermente aumentate, mentre è sceso un poco il gettito Irpef” ha informato Bagnasco.
Della somma ricevuta – ha poi spiegato – circa il 40% è stato speso per esigenze di culto (“abbiamo oltre 700 cantieri aperti”); una percentuale inferiore rispetto a quella degli anni precedenti perché “abbiamo voluto crescere nelle voce interventi caritativi”. Cinque milioni in più dei 140 dello scorso anno sono stati destinati infatti alle “diocesi di frontiera” ed è aumentato da 32 a 49 milioni anche il contributo per le catechesi e l’educazione. Fermo invece l’impegno per gli interventi nel Terzo Mondo pari a 85 milioni.
Tutto questo è pubblico perché ha ribadito Bagnasco, “è importante precisare con chiarezza la provenienza dei fondi di diocesi e parrocchie che sono dell’8×1000. È giusto! Ci siamo resi conto che la gente ama sapere dove la propria firma vada a finire nel senso di visibilità”. “Io – ha aggiunto – vedo in diocesi, quando vado a inaugurare opere pastorali ristrutturate o ex novo come campetti ,circoli, il tetto di una parrocchia, quanto sia importante e gradito da parte della gente sentirsi dire ‘questi lavori li abbiamo fatto anche grazie alle firme dell’8×1000 che voi avete dato’. Sembrano poco queste precisazioni ma non sono poco, soprattutto oggi”.

18 May, 2016

Bagnasco: “Unioni civili legge ideologica. Utero in affitto sarà il colpo finale alla famiglia”
di -


Disappunto del presidente CEI per la nuova normativa nella prolusione alla 69° Assemblea annuale dei vescovi italiani. Affrontati temi di gender, migrazioni, nullità matrimoniali, povertà, disoccupazione, ludopatia

Il Papa – lo sappiamo – con la politica, specie quella italiana, non si “immischia”. Quindi nel suo discorso di ieri alla 69ma Assemblea generale della CEI non figurava alcun cenno sulle ultime vicende politiche che hanno scosso l’animo dei cattolici d’Italia, ovvero la legge sulle unioni civili. Il presidente dei vescovi nostrani, il cardinale Angelo Bagnasco, invece, non manca di esprimere il proprio disappunto contro questa azione del Governo nella sua prolusione d’apertura di stamane.

Più che altro, l’arcivescovo di Genova si domanda “come mai così vasta enfasi ed energia sia stata profusa per cause che rispondono non tanto a esigenze – già per altro previste dall’ordinamento giuridico – ma a schemi ideologici”. Laddove nel paese, afflitto da povertà, disoccupazione, ludopatia, sono ben altri i problemi.

Unioni civili: “Equiparate a matrimonio e famiglia, sono cose diverse”

La recente approvazione della legge sulle Unioni civili, afferma il cardinale, “sancisce di fatto una equiparazione al matrimonio e alla famiglia, anche se si afferma che sono cose diverse”; in realtà, sottolinea Bagnasco, “le differenze sono solo dei piccoli espedienti nominalisti, o degli artifici giuridici facilmente aggirabili, in attesa del colpo finale – così già si dice pubblicamente – compresa anche la pratica dell’utero in affitto, che sfrutta il corpo femminile profittando di condizioni di povertà”.

Il cardinale ricorda allora le parole di Papa Francesco nella dichiarazione congiunta firmata a L’Avana con il Patriarca Kirill: “La famiglia si fonda sul atto libero e fedele di amore di un uomo e una donna. Ci rammarichiamo che altre forme di convivenza siano ormai poste allo stesso livello di questa unione, mentre il concetto di paternità e di maternità, come vocazione particolare dell’uomo e della donna nel matrimonio viene estromesso dalla coscienza pubblica”.

“Bambini hanno diritto ad un papà e una mamma, non sono cavie da laboratorio”

Ribadisce, quindi, “il diritto dei bambini a crescere in una famiglia, con papà e una mamma, capaci di creare insieme un ambiente idoneo al suo sviluppo e alla sua maturazione affettiva”, anche perché “con i bambini e i giovani non si può sperimentare. Non sono cavie da laboratorio”.

Gender, “sempre alle porte in modo strisciante”

Di qui un nuovo affondo contro la teoria del gender “che è sempre alle porte in modo strisciante” e che, ha affermato più volte il Pontefice, “è uno sbaglio della mente umana”, probabilmente “espressione di una frustrazione e di una rassegnazione che mira a cancellare la differenza sessuale perché non sa confrontarsi con essa”.

Disoccupazione: “I peggiori in Europa, subito prima della Bulgaria”

Bagnasco punta l’occhio, dunque, alle tante situazioni che mettono in ginocchio il popolo che “vorremmo poterlo vedere più sereno, occupato nel lavoro, proiettato con fiducia verso il futuro, incoraggiato dalle prospettive dei giovani, lieto nell’intreccio di generazioni che si guardano con simpatia, fiducia, solidarietà”. Invece i dati rivelano il contrario. A cominciare dalla crisi occupazionale caduta del 4,8%, “una delle contrazioni più rilevanti in Europa”. “I dati ricorrenti – sottolinea il cardinale – dicono che la fascia tra i 15 e i 24 anni in cerca di lavoro è prossima al 40% contro il 22% della media europea: in termini percentuali siamo i peggiori, subito prima della Bulgaria”.

1,5 milioni di famiglie investite da povertà assoluta. Chiesa impegnata nella carità

A fianco a loro ci sono adulti che, perso il lavoro, “si trovano nella difficoltà a rientrarvi con grave danno per le proprie famiglie oltre che per la propria dignità”. Tutti questi compongono spesso le file di di coloro che cercano un pasto alle mense della Caritas o delle parrocchie. Nel 2015 “sono stati ben 12 i milioni di pasti distribuiti”, spiega Bagnasco. “Il peso della vita quotidiana, alla ricerca dei beni essenziali, diventa sempre più insostenibile, compreso il bene primario della casa”, aggiunge. “La povertà assoluta investe 1,5 milioni di famiglie, per un totale di 4 milioni di persone, il 6,8 della popolazione italiana!”.

E mentre la platea dei poveri si allarga “inglobando il ceto medio di ieri”, la porzione della ricchezza “cresce e si concentra sempre più nelle mani di pochi, purtroppo a volte anche attraverso la via della corruzione personale o di gruppo”. Il cardinale, allora, si domanda: “I responsabili della cosa pubblica, i diversi attori del mondo del lavoro, che cosa stanno facendo che non sia episodico ma strutturale?”. La Chiesa, da parte sua, continua invece “a fare tutto quanto le è possibile per stare accanto alla gente, mettendo in campo ogni risorsa: dalle forze di tantissimi volontari alle risorse dell’8×1000, che, oltre a permettere un Clero totalmente disponibile, consente di venire incontro alle enormi richieste della carità e del mantenimento delle opere pastorali”.

Denatalità: “Quelli del 2015 i dati peggiori dall’unità d’Italia”

Tra i fantasmi che infestano il Paese, il card. Bagnasco individua anche il calo della natalità finalmente denominato “inverno demografico”. Ad oggi, dice, “si vedono segnali positivi di sostegno e promozione della famiglia che, oltre ad essere il grembo naturale della vita, è palestra di umanesimo, di virtù civili, di socialità e di educazione nell’intreccio di generazioni e di generi, primo ammortizzatore sociale”. Tali segnali vanno però “incentivati” e, soprattutto, resi “strutturali”.

Anche perché i dati ISTAT rimangono “impietosi”: “Quelli del 2015 sono i dati peggiori dall’unità d’Italia” ribadisce il presidente CEI, ricordando che lo scorso anno, a fronte di 653mila decessi, le nascite sono state 488mila, mentre 100mila italiani hanno lasciato il Paese. Lo Stato cosa sta facendo perché si possa invertire la tendenza? Per ora pare nulla. Il cardinale avverte pertanto dell’urgenza di “una manovra fiscale coraggiosa, che dia finalmente equità alle famiglie con figli a carico”.

Ludopatia: “Devastante per singoli e famiglie. Porta al suicidio”

Terzo fantasma è invece quello del gioco d’azzardo. “Negli ultimi sei anni, mentre fra la popolazione è salita la soglia della povertà, l’affare-azzardo ha raggiunto il 350%, fino a 84 miliardi”. “La ricaduta sociale della ludopatia – afferma l’arcivescovo di Genova – è devastante per i singoli, che perdono il lavoro, rompono i rapporti familiari, diventano facile preda di altre dipendenze fino al suicidio”.

“È su questi problemi che la gente vuole vedere il Parlamento impegnato senza distrazioni di energie e di tempo, perché questi sono i problemi veri del Paese, cioè del popolo”, afferma il porporato

Violenze anti-cristiane, “mondo distratto e indifferente”

Nella sua prolusione anche un cenno alla violenza che segna il mondo, davanti alla quale “sembra che cresca l’indifferenza”, come se “i veri problemi fossero altri che il diritto di professare la propria fede senza subire persecuzione e morte, o essere costretti a vivere da fuggiaschi in preda alla paura”. Sotto questi occhi “distratti e indifferenti del mondo”, si contano 200 milioni di cristiani perseguitati: “Ad Aleppo, storico centro della cristianità in Siria, oggi sono rimasti appena 40mila fedeli, un quarto rispetto a solo 5 anni fa!”. Accanto alle vittime di persecuzione religiosa, ci sono poi quelle del terrorismo “che continua a seminare morte, angoscia e rapimenti”.

Migranti: “Non retrocedere nell’accoglienza”

Un cenno anche alla questione dei migranti, sulla scia della “incisiva e commovente” visita del Papa a Lesbo. Essa – dice Bagnasco – “ci impegna a non retrocedere dal fronte dell’accoglienza; ricorda a tutti che le vie di comunicazione sono sì per le merci, ma innanzitutto per le persone”. Anche in tal ambito va riconosciuto “il permanente sforzo dell’Italia, sempre in prima linea per accogliere e salvare tante vite da ignobili mercanti di disperati”. La Chiesa continua intanto a fronteggiare questo inarrestabile esodo del Sud del mondo ad offrire il suo contributo accogliendo, ad oggi, circa 23mila migranti, con un aumento di 4.500 persone in questi primi mesi dell’anno.

Nullità matrimoniale: “Vescovi impegnati per rendere efficace la riforma”

Riguardo ai processi di nullità matrimoniale, resi più celeri dal Motu Proprio Mitis Iudex Dominus Iesus, Bagnasco assicura: “Come Vescovi siamo impegnati affinché le finalità della riforma possano trovare efficace e piena risposta nella prassi giudiziaria, coniugando la vicinanza accogliente alle persone con le esigenze di assicurare sempre un rigoroso accertamento della verità del vincolo, per sua natura indissolubile ove validamente formato”. In questa prospettiva, “la CEI non mancherà di offrire il proprio sostegno, a tutti i livelli di propria competenza e in comunione con le Conferenze Episcopali Regionali”.


Pagina: 1 2 3 4   


     


Assemblee Nazionali: Relazioni Presidente

Sede Nazionale via Breda 18 Castel Mella (BS) Tel. 030 2583972

Aggiungi ai preferitiAggiungi questo sito ai preferiti

Webmaster: cogio

Le foto non di proprietà di FNC sono state reperite in rete, se qualcuna di queste dovesse essere coperta da diritti d'autore, siete pregati di segnalarcelo. Provvederemo a rimuoverle.